Alloggiare in residence per studenti a Malta

Edifici simili ad alberghi con stanze o mini appartamenti

Soluzione particolarmente adatta per studenti dai 18 ai 30 anni

Alcune scuole dispongono di residence per studenti: si tratta di edifici, simili ad alberghi, in genere suddivisi in stanze o mini appartamenti condivisi con studenti della stessa scuola. I residence hanno quasi sempre la cucina ed alcuni servizi in condivisione.
Alloggiare in residence è infatti una soluzione ideale per condividere con studenti stranieri molti momenti della tua vita quotidiana a Malta dopo le lezioni.

I residence studenteschi sono riservati solo ai maggiorenni, quindi corsisti dai 18 anni in su, e sono ideali fino ai 25 o 30 anni.
In base alle tue esigenze potrai decidere se alloggiare in stanza singola, in stanza doppia o condivisa.
È garantita la pulizia di camere o appartamenti e la fornitura di asciugamani e biancheria da letto.

Alcuni residence di Malta sono piccoli e familiari, altri sono molto grandi. Alcuni dispongono di piscine e palestre, altri di mense comuni, altri ancora di parchi e spazi per il relax

Qualunque sia il residence scelto è un’ottima soluzione per socializzare e condividere.

Se sei un genitore e stai pensando di far alloggiare i tuoi figli in residence è bene sapere che le scuole non utilizzano in genere, per i minorenni, gli stessi residence dei maggiorenni. Le strutture sono infatti distinte. I minorenni, in base alla legge maltese, non possono alloggiare da soli in residence. Per questo motivo, alcune scuole organizzano le “vacanze studio” per gli adolescenti che, tra l’altro, includono anche la supervisione 24h da parte di un team leader, anche negli alloggi. In questo caso le scuole preferiscono utilizzare altri residence o alberghi in zone di Malta lontane dalla movida e spesso lontani dalle stesse scuole, in ogni caso è garantito il trasferimento.

Da giugno 2017 a Malta è in vigore la tassa di soggiorno: ogni corsista (dai 18 anni in su) dovrà pagare 50 centesimi di euro a notte, fino ad un massimo di 10 notti, quindi al massimo 5,00 Euro. La tassa di soggiorno è riscossa dalla scuola e/o dal fornitore dell'alloggio. E' possibile che la voce sia in fattura, ma è possibile che venga richiesto il pagamento all'arrivo. Il ricavato sarà usato dal governo per abbellire e curare le zone turistiche.